SI APRE ARIA DI FESTA E PUNTA SULLA CULTURA

Concerti, mostre e libri per assaporare il territorio in molti modi

San Daniele del Friuli, 26 giugno 2013 – Mancano poche ore all’inaugurazione di Aria di Festa 2013, la manifestazione che dal 28 giugno al 1 luglio anima il borgo di San Daniele del Friuli all’insegna del gusto, in primis quello del suo ambasciatore più famoso: il Prosciutto di San Daniele.

Quello che attende i migliaia di turisti che già in queste ore stanno giungendo da tutta Europa è un’edizione speciale di Aria di Festa, dove l’aspetto culturale gioca un ruolo determinante. Un cambiamento che Mario Cichetti, direttore del Consorzio del Prosciutto di San Daniele spiega così: “Non mancano i momenti di divertimento che caratterizzano da sempre la gioia dello stare insieme, ma la manifestazione avrà sempre meno le caratteristiche di una sagra e sempre più quelli di un luogo dove si percepisce l’autentica cultura del territorio: dove le emozioni si scambiano anche attraverso idee e riflessioni sulla vita e sui frutti del lavoro di questa terra”.

Una sensazione che si percepirà già all’inaugurazione con la madrina, una bellissima Luisa Ranieri, chiamata al rito del taglio della prima fetta di prosciutto accompagnata sul palco dal Gastronauta Davide Paolini: il critico gastronomico che dai microfoni di Radio 24 e sul proprio sito si batte per la tutela delle eccellenze italiane. 

Di livello anche l’offerta musicale che prende il via la sera stessa con un artista famoso per la poesia che riesce a esprimere come Ron e prosegue nelle sere successive con uno spettacolo di Neri Marcorè dedicato ai cantautori italiani e un concerto di Chiara.

La cultura dell’eccellenza si esprime anche in partnership importanti come quella che ha coinvolto la prestigiosa Accademia dei Georgofili di Firenze, organizzatrice del convegno “Il Prosciutto di San Daniele: il tipo genetico del maiale” che vede protagonisti anche l’Accademia Italiana della Cucina, il Consorzio del Prosciutto di San Daniele e l’Università di Udine. 

Un approccio al gusto insolito si riscontra anche in San Daniele: un prosciutto SENSAZIONALE, un percorso interattivo per scoprire il San Daniele e il suo territorio d’origine attraverso l’uso di tutti i cinque sensi (tutti i giorni dalle 10.30 alle ore 18.45 in Piazza Pellegrino). 

Ben tre mostre attendono il pubblico della manifestazione: una è dedicata al naturale complemento del Prosciutto di San Daniele, l’affettatrice, in “Berkel, storia di un mito” (via Umberto I angolo Piazza Duomo). La seconda al Museo del Territorio dal titolo“Lavôrk” ospita una serie di scatti inediti sul tema del lavoro. La terza al Municipio raccoglie le collezioni della 69a manifestazione filatelica sandanielese.

Per la prima volta aria di Festa vede anche una sezione dedicata alle presentazioni letterarie: “Aria.. di libri”. Sabato alle ore 17.00 in Piazza Cattaneo Cristiano Cavina presenta il suo volume “Un’ultima stagione da esordienti”. Il giorno successivo, sempre alle 17, Andrea Molesini parla del nuovo romanzo “La primavera del lupo”. Gli incontri sono introdotti dal professor Angelo Floramo direttore della Biblioteca Guarneriana. 

A tutto questo si aggiunge un corollario di appuntamenti che sono ormai un must per chi vuole scoprire di più del territorio e dei suoi prodotti: le degustazioni guidate che abbinano il San Daniele a Champagne o a Friulano, i corsi di cucina creativa, con il prosciutto DOP protagonista in tante ricette, le “Istruzioni per l’uso” che spiegano come riconoscere, tagliare e conservare il San Daniele. E poi ancora mercatini, musica e le immancabili visite ai prosciuttifici della zona. 

Con un programma così qualsiasi siano i gusti del pubblico ci sarà per tutti un buon motivo per venire ad Aria di Festa.