A SAN DANIELE C’E’ ANCHE BUONA CULTURA

San Daniele del Friuli, giugno 2014 – Il San Daniele diventa sinonimo di bien vivre. Succede anche questo ad Aria di Festa. Sabato 28 giugno tutti al Parco del Castello: alle 18.00 va in scena L’elogio del prosciutto, un convivio di musiche, letture, canzoni, poesie sull’ “insostenibile attrazione” che il cibo esercita su tutti noi e sul suo potere di avvicinare le persone.
A raccontare la propria idea del buon vivere (e del buon prosciutto) saranno il celebre “giocatore di parole” e scrittore Stefano Bartezzaghi, il cabarettista Leonardo Manera, l’inimitabile interprete dell’improvvisazione vocale Gegè Telesforo, la scrittrice udinese Antonella Sbuelz, il critico teatrale Masolino D’Amico, il duo cabarettistico friulano Andrea Collavino e Piero Sidoti e il direttore della Biblioteca Guarneriana di San Daniele Angelo Floramo.
Un gruppo di ospiti d’eccezione, accomunati da un’insolita vena scherzosa, che è pronto a riflettere – con arguzia e ironia – sul nostro profondo bisogno di vivere bene, spesso incarnato (anche) dagli odori, sapori e colori dei nostri cibi preferiti.
A condurre l’incontro, il noto scrittore friulano Paolo Patui.
L’elogio del prosciutto sarà anticipato, alle 16:00, dall’incontro con lo scrittore Fulvio Ervas, che presenterà il suo ultimo libro Si fa presto a dire Adriatico in collaborazione con la Libreria W. Meister.
Domenica 29 giugno, alle 16:00, si replica. Al Parco del Castello si riflette sulla qualità della vita in Friuli: i giornalisti friulani Cristina Battocletti e Paolo Medeossi, il presidente della Cassa di Risparmio del Friuli Venezia Giulia Giuseppe Morandini e il direttore della Biennale di Venezia e del Festival del Teatro Nazionale di Napoli, Renato Quaglia, saranno le voci del dibattito Stare bene si può. Come, dove e quando?.
Una chiacchierata, moderata ancora da Paolo Patui, tra personalità che da anni operano in Friuli o lo osservano da punti di vista particolari: punti forti e situazioni critiche per una terra che è (e vuol essere) territorio privilegiato di uno “stare bene” produttivo e positivo.
Tutti gli incontri sono organizzati in collaborazione con l’associazione LeggerMente.